Rodriguez: il cantautore ritrovato arriva in Italia a Marzo.

17
dicembre
2013

Posted by Margherita Caramatti

Posted in CONCERTI / ultimissime

0 Comments
Sugar Man Rodriguez

Sixto Rodriguez ha una storia di quelle che a raccontarle non ci si crede. Una storia americana, di cadute e risalite, piena di incredibili colpi di scena.

La sua vita è raccontata nel documentario “Searching  for Sugar Man“, vincitore di un premio Oscar nel 2013. Rodriguez è un cantautore di Detroit, nato da famiglia modesta, cresciuto nella periferia americana. Negli anni ’70 Sixto pubblica due album accolti con entusiasmo da una ristretta cerchia di critici. Il successo commerciale è però trascurabile e per Rodriguez non c’è tempo per riprovarci.

Senza più un contratto discografico, ricomincia dalla vita  di tutti i giorni. Trova lavoro come operaio e mette da parte la carriera musicale. Ma proprio quando Sixto abbandona, i suoi brani diventano famosi in Australia, diverse zone del continente africano e sopratutto in Sudafrica.

La celebrità dei suoi brani cresce sempre di più e sulla figura di Sixto nascono delle leggende. Di lui non si sa più nulla. Si dice sia morto sul palco. Che sia sparito nel nulla. Che si sia suicidato durante un’esibizione. Ma nessuna di queste storie è provata.

Rodriguez nel frattempo in Sudafrica è diventato una celebrità , un narratore leggendario. Tanto che due fan decidono di mettersi sulle sue tracce. Per anni le ricerche vanno a vuoto. Finché qualcuno non scrive una mail in cui dice che il cantautore è vivo, abita e lavora ancora a Detroit. Esattamente dove le cronache lo avevano lasciato anni fa.

Da quel momento, la rivelazione della celebrità in altri paesi, i concerti, le tournée, il pubblico che lo credeva morto e che ora vive la sensazione di un miracolo, il documentario che vince un Oscar, il ritorno alla vita da musicista.

A Marzo Rodriguez farà due concerti in Italia, a Bologna. Se volete iniziare a ripassare, l’album “Cold Fact” è davvero un ottimo inizio.

 

About 

    Find more about me on:
  • googleplus
  • twitter